Skip to main content

News

Notizie inerenti la SBF e i suoi membri. Ulteriori notizie su mostre, informazioni, eventi e concorsi sono disponibili nella nostra newsletter SBF INFO e su Facebook.

 


SBf personale

17.01.2022

© Linda Pollari, Urs Tillmanns

Urs Tillmanns. Dopo più di 27 anni "Fotointern", il sito svizzero per le notizie quotidiane di fotografia e un'agenda fotografica non sarà più sotto la direzione del suo fondatore Urs Tillmanns (76), ma sarà ora diretto dal collaboratore freelance di lunga data Markus Zitt.

La carriera di Tillmanns è iniziata quando ha completato il suo apprendistato di fotografia nel 1968 con Hans Hinz a Basilea, uno dei primi fotografi commerciali a colori in Svizzera. Ha poi lavorato per 14 anni come fotografo pubblicitario, scientifico e industriale, ad esempio presso il dipartimento forense della procura di Basilea Città, presso l'azienda di orologi Longines a St.Imier e presso Alusuisse, Ricerca + Sviluppo a Neuhausen.

Dal 1976 al 1991, Tillmanns è stato il caporedattore svizzero della rivista internazionale PHOTOGRAPHIE. Durante questo periodo ha scritto più di 1.200 articoli e saggi su aree teoriche e pratiche della fotografia e ha pubblicato 13 libri su argomenti fotodidattici, tecnici e storico-fotografici.

Dal 1991 in poi, Tillmanns ha lavorato come giornalista specializzato e redattore freelance e ha diretto l'ufficio stampa della Interessengemeinschaft der Schweizer Foto-Lieferanten (ISFL). È stato presidente della Società del Museo svizzero della macchina fotografica di Vevey ed è stato fondatore e redattore di "Fotointern" e dell'annesso "Fotoagenda" fino al 31 dicembre 2021. Fotointern è stato inizialmente pubblicato quindicinale come rivista stampata per i professionisti e il commercio fotografico ed è stato online per 13 anni come sito web aggiornato quotidianamente.

Perché hai fondato Fotointern? Sono stato caporedattore dell'edizione svizzera della rivista "PHOTOGRAPHIE", che è stata poi venduta a una casa editrice in Germania. L'obiettivo di Fotointern era di creare una nuova rivista svizzera pubblicata regolarmente per i fotografi professionisti e il commercio fotografico, che non esisteva ancora in questa cadenza e tipo. L'obiettivo principale era quello di presentare nuovi prodotti interessanti, ma anche di affrontare temi industriali che avevano un collegamento con la Svizzera. La rivista doveva formare un contrasto con le grandi riviste fotografiche, prevalentemente tedesche, che erano tutte pubblicate mensilmente e si rivolgevano principalmente ai fotografi dilettanti con articoli tecnici e dettagliati e portfolio.

Come ha fatto Fotointern ad affermarsi e a mantenersi a lungo sulla scena fotografica svizzera? La popolarità di PHOTOGRAPHIE, che aveva avuto molto successo in Svizzera dal 1977 ed era anche fortemente sostenuta dall'industria fotografica, ha aiutato. Anche l'idea di lanciare una rivista bisettimanale, principalmente con argomenti del settore, è stata accolta molto bene dai fornitori. Con un basso prezzo di abbonamento e la consegna gratuita agli apprendisti, Fotointern ha trovato rapidamente un grande e fedele pubblico di lettori. Le cose sono diventate problematiche solo nel 2008, quando la crisi economica ha sconvolto il business della pubblicità.

Soprattutto, i grandi attori come Kodak, Agfa e altri hanno fatto un passo indietro rispetto alla solita programmazione annuale, ed è diventato rapidamente evidente che la redditività non poteva più essere assicurata per il 2009. Così Fotointern era come molte altre riviste: il passaggio dall'edizione cartacea a una piattaforma internet aggiornata quotidianamente era la logica conseguenza.

Qual è lo scopo di Fotointern? L'obiettivo di pubblicazione di Fotointern è rimasto lo stesso da quando ha iniziato 27 anni fa: Fotointern si propone di fornire informazioni aggiornate su nuovi prodotti e temi culturali, e di farlo il più possibile con riferimento alla Svizzera. Questo rende Fotointern inconfondibile in confronto a simili piattaforme estere di notizie fotografiche. L'agenda fotografica con le date delle più importanti esposizioni svizzere contribuisce a questo. Corsi fotografici, viaggi o recensioni di libri, per lo più di nuove pubblicazioni di editori svizzeri, così come top stories sono anche elencati nell'agenda. Gli articoli di approfondimento trattano il lavoro di fotografi svizzeri o temi che hanno un legame con la Svizzera.

Cosa è cambiato nell'industria fotografica in questo periodo? In 27 anni - includo il tempo dell'edizione stampata perché copre un'epoca interessante - Fotointern è diventato un'opera di riferimento quasi completa sulle innovazioni più importanti, gli sviluppi interessanti e gli argomenti del settore. Questo include, soprattutto, il passaggio dalla pellicola all'immagine digitale. Attualmente, la biblioteca del Politecnico sta digitalizzando e indicizzando le circa 8.000 pagine delle edizioni stampate dal 1994 al 2009 - un compito enorme che dovrebbe essere completato nel corso dell'anno appena iniziato. Questo creerà un'opera di riferimento digitale che copre lo sviluppo della fotografia in Svizzera con il passaggio dalla fotografia analogica a quella digitale.

Perché smetti? È principalmente legato all'età - dovresti prenderti cura delle cose finché sei ancora in grado di farlo. Ora ho 11 anni di "AHV di straordinario”, voglio dedicarmi ad altre cose che produrre notizie ogni giorno. Ogni anno, circa 1000 articoli sono apparsi su Fotointern. Sono circa due e mezzo al giorno - compresi sabato e domenica. Questa è una pressione di lavoro che ad un certo punto diventa troppo per me. Per fortuna, il mio collega Markus Zitt si occupa di Fotointern, altrimenti avrei staccato la spina il 31 dicembre 2021.

Qual è il futuro del business? Markus Zitt ed io abbiamo lavorato insieme per dodici anni. Zitt è un collaudato giornalista specializzato in fotografia, elettronica di consumo e IT e conosce molto bene Fotointern, dal concetto di contenuto alla tecnologia dietro il sito web. Questo garantisce che tutto continuerà come al solito. Almeno per il momento, perché un mezzo di comunicazione porta sempre la firma dei suoi creatori e le tendenze dei tempi. Prima o poi, questo si noterà certamente anche in Fotointern. Inoltre, continuerò a lavorare per Fotointern, ma non più quotidianamente, ma occasionalmente - e con i temi che mi piacciono e mi divertono particolarmente.
 
Potete trovare maggiori informazioni su Fotointern.ch

Partner Oro

Partner Argento