Skip to main content

News

Notizie inerenti la SBF e i suoi membri. Ulteriori notizie su mostre, informazioni, eventi e concorsi sono disponibili nella nostra newsletter SBF INFO e su Facebook.

 


Personale

27.08.2020

© fotomiller. Vita quotidiana,bambini, Togo.

Sandro Mahler. Oltre al suo lavoro di fotografo professionista, il fotografo luganese Sandro Mahler insegna ai potenziali fotografi a Lugano. Mahler si è formato a Milano presso l'Istituto Europeo di Design Formato e in California presso il Brooks Institute of Photography.

Dal 1984 lavora come fotografo freelance nei campi del reportage, dell'architettura, dello still life, della pubblicità, del ritratto e dell'arte. Mahler ha viaggiato molto per i suoi reportage - ad Haiti, in Guinea e Togo o in Kosovo. In questa intervista ci racconta cosa lo ha attratto a Milano e in California, cosa lo affascina di più come insegnante e perché non è un fotografo di guerra, anche se ha viaggiato spesso in zone di crisi.

Come sei entrato nel mondo della fotografia? Sandro Mahler: Mi interessava già la fotografia durante i miei giorni di scuola. In seguito, ho deciso di studiare in una scuola di fotografia. La mia grande fortuna è che il mestiere di fotografo è quello che volevo davvero fare.
 
Ti sei formato a Milano e in California. Perché? Le scuole svizzere sono buone, ma volevo vivere e studiare nei luoghi dove la fotografia era leader alla fine degli anni Ottanta. Sono stato attratto da Milano non solo per la mia conoscenza dell'italiano, ma soprattutto per la fotografia di moda e pubblicitaria. Questo ha attratto altri campi e Milano ha offerto un ambiente interessante per i giovani che volevano sviluppare la loro carriera. Abbiamo lavorato come assistenti con i migliori nomi d'Europa. Ho seguito dei corsi in California. Anche quello è stato un periodo molto formativo.
 
Uno dei vostri principali punti focali sono le foto militari, ma anche quelle dell'Africa e di altri paesi. Sei un fotografo di guerra? Nel 2002 ho realizzato i reportage in Kosovo per Swisscoy. Ma io non sono un fotografo di guerra. I reportage erano volti a documentare l'attività dell'esercito svizzero nella regione dopo la guerra. Sono una persona molto curiosa. Se trovo un argomento interessante, mi piace analizzarlo e scoprirlo. Ma il modo in cui affronto il tema lo rende affascinante e originale o viceversa. Dipende sempre da diversi fattori.
 
Cosa rende l'insegnamento interessante per voi? Insegno agli apprendisti e organizzo laboratori per adulti. Questa attività mi tiene vicino a coloro che stanno facendo i primi tentativi nel mondo della fotografia. È bello accompagnarli durante il processo di apprendimento e vedere come crescono l'entusiasmo e l'esperienza. Per me è sempre importante avere una conversazione con i futuri fotografi. Per questo ho bisogno di essere aggiornato!
 
Come ha vissuto l'isolamento di Corona come fotografo? Nei primi mesi ogni fotografo si è probabilmente posto la domanda: Ecco un'opportunità fotografica, come interpretare e rappresentare quel particolare periodo? Ho lavorato a progetti di ritratti e reportage. Ciò che è cambiato di più è stato il fatto che abbiamo insegnato via Skype. Il coinvolgimento è stato maggiore che in tempi normali, ma mi ha dato grande soddisfazione: I ragazzi non potevano andare al lavoro, così noi insegnanti li tenevamo occupati. Hanno lavorato sodo e siamo riusciti a terminare il terzo anno di apprendistato. sm/mj

Partner Oro

Partner Argento