Skip to main content

News

Notizie inerenti la SBF e i suoi membri. Ulteriori notizie su mostre, informazioni, eventi e concorsi sono disponibili nella nostra newsletter SBF INFO e su Facebook.

 


SBF Personale

15.03.2021

© Régis Colombo, E l'influenza A? In una conferenza stampa a Lausanne. 9.8.2009

Régis Colombo. Fotografo professionista (51 anni), vive a Losanna e lavora da 20 anni nel campo dell'arte, della pubblicità, del reportage e della stampa. Colombo era originariamente un architetto, ma è diventato un fotografo per viaggiare. La sua carriera è iniziata nel 1994, quando una delle sue fotografie è stata pubblicata per la prima volta - sulla copertina di una rivista d'affari. Oggi, le sue fotografie sono pubblicate sulla rivista GEO, Le Figaro o la rivista Grands Reportages France. È rappresentato in mostre a New York, Parigi, Ginevra o Kiev, i suoi quadri sono venduti in gallerie. Inoltre, ha ricevuto numerosi premi. La sua forza sta nel fatto che può lavorare in molte discipline - sia in studio che all'aperto.

In un'intervista con la redazione di SBF, Colombo parla della sua straordinaria esperienza con il Dalai Lama, perché sconsiglia ai giovani fotografi questa professione e perché pensa che la prevista fusione delle associazioni sia importante.

Hai lavorato come architetto, perché vuoi diventare fotografo di professione?
Nel 1991 c'è stata una crisi nel settore dell'edilizia e ho colto l'opportunità di cambiare professione perché ero già appassionato di fotografia e di arte.

Dove hai fatto la tua formazione?
Non ho fatto un apprendistato, ho iniziato come freelance a 24heures (Tamedia), ho imparato e lavorato con diversi fotografi in diversi campi, questa è la mia forza oggi perché posso rispondere ad una clientela molto diversa come potete vedere sul mio sito.

Ci sono argomenti che ti interessano?
Sono interessato a tutto, sono una persona appassionata. Ma negli ultimi 10 anni ho sviluppato un lavoro artistico molto personale che espongo nelle gallerie d'arte ed è molto emozionante.

Ci sono molti fotografi là fuori e molta concorrenza - cosa ti distingue?
Sono molto versatile e ho molta esperienza. Non ho paura di imparare se devo, sono iperattivo nel mio lavoro.

Il tuo consiglio per gli aspiranti fotografi?
C'è chiaramente un problema di riconoscimento della professione. Il fotografo ha perso il suo status di professionista in questo mondo dove tutti fanno foto. E purtroppo i prezzi sono scesi. È quindi difficile oggi vivere bene di questa professione, bisogna esserne consapevoli.

Sarebbe già necessario che le associazioni smettessero di accettare membri che non vivono interamente di fotografia, perché spesso sono loro che rompono i prezzi. Sarebbe anche necessario che le scuole smettessero di formare così tanti fotografi ogni anno, non c'è abbastanza posto per tutti e non è un servizio per loro metterli sul mercato in queste condizioni, o renderli futuri disoccupati.

Per rispondere alla domanda, direi loro di fare un altro lavoro per avere le  spalle coperte e di mantenere la fotografia come passione. In ogni caso, coloro che vogliono farne la loro professione, se sono veramente appassionati, ci riusciranno... ma con molti sacrifici!
 
Avete dei personaggi, conosciuti a livello internazionale. C'è un'esperienza che le è rimasta impressa nella memoria?

Per il Dalai Lama, eravamo 50 giornalisti nella sala stampa. Alla fine della conferenza stampa, si è alzato, è venuto verso di me, mi ha stretto la mano e se n'è andato. Non ho mai capito perché, era incredibile e allo stesso tempo confuso.

Come vedi il tuo futuro come fotografo?
Avrò il mio primo figlio a 51 anni il prossimo giugno. Il mio obiettivo principale sarà quello di sostenere la mia famiglia perché la mia vita cambierà molto.

Perché hai aderito all'Associazione SBF?
Domanda complicata! La nostra associazione francofona, l'USPP, non è purtroppo più molto dinamica e la nostra professione è cambiata molto negli ultimi anni. Sono sempre stato convinto che tutte le associazioni di fotografi dovrebbero essere fuse in una sola grande, che avrebbe i mezzi per difendere la nostra professione in modo molto più attivo.

Bisogna essere in sintonia con i tempi e come ex presidente e cofondatore dell'USPP e membro del comitato dei fotografi di IMPRESSUM posso sostenere un progetto del genere. Ci sono lotte che devono essere combattute in modo tempestivo. 

Portfolio-Link

Weblink

Partner Oro

Partner Argento